Notizie

FESTA DEGLI AUGURI 2019 – FOTO E VIDEO

Categories:

Lo scorso venerdì 20 dicembre si è svolta presso la sede della Lega Navale Italiana la tradizionale Festa degli Auguri.
Quest’anno abbiamo avuto l’onore di avere con noi il Presidente Nazionale della L.N.I. Amm. Sq. (r) Maurizio GEMIGNANI che ha conferito la qualifica di Socio Onorario alla dott.ssa Luana Alita MICHELI Console Generale d’Italia a Valona. La Console Micheli, con grande merito e con deliberazione unanime del Consiglio Direttivo nazionale, entra a far parte della grande famiglia della L.N.I. e risulta essere la prima donna nella storia della nostra associazione e la quinta personalità a ricevere tale Onorificenza. (si allega la proposta di conferimento della qualifica di Socio Onorario).
Il Presidente nazionale ha inoltre consegnato gli attestati ed i distintivi previsti dal nostro Statuto al socio Michele MUSAIO per i cinquanta anni di ininterrotta iscrizione alla nostra associazione ed al socio Otello DE SIMONE per i venticinque anni. (vedi allegato). Durante la cerimonia è stato anche assegnato al Comandante della Capitaneria di Porto CV Giovanni CANU il “Premio L.N.I. Brindisi 2019”, conferito alla personalità che nel corso dell’anno si è maggiormente distinta per aver condiviso gli scopi istituzionali della L.N.I. e per aver collaborato attivamente con la nostra associazione per il perseguimento degli stessi. (si allega la motivazione).
Nel corso della serata la Direttrice dell’Archivio di Stato di Brindisi dott.ssa Maria Antonietta VENTRICELLI ha presentato alcuni documenti storici che ricostruiscono la storia della nostra Sezione L.N.I. e ne fanno risalire la sua costituzione alla data del 16 settembre 1917.
Inoltre, sono stati presentati i nuovi Soci che nel corso del 2019 sono entrati a far parte della nostra associazione e sono stati omaggiati e ringraziati per la loro fattiva partecipazione e per i risultati conseguiti, soci ed atleti dei gruppi Sportivi Vela, Canottaggio e Pesca Sportiva.
Non è mancato, un breve ma significativo ricordo ai Soci deceduti nell’anno 2019. Al termine della cerimonia abbiamo avuto il piacere di ricevere la visita del nostro Sindaco Ing. Riccardo Rossi, al quale abbiamo consegnato la Tessera di Socio, rilasciata dalla nostra sezione al
Comune di Brindisi già nell’anno 1930. La serata è proseguita con un ricco buffet e con il successivo brindisi e lo scambio degli auguri.
La L.N.I. Brindisi ringrazia di cuore tutte le Autorità, gli ospiti, ed i soci che hanno partecipato alla cerimonia e Augura a tutti un Sereno Natale ed un Felice Anno Nuovo.

Conferimento della qualifica di Socio Onorario alla Dott.ssa Luana Alita Micheli, Console Generale d’Italia a Valona

Conferimento della qualifica di Socio Onorario alla Dott.ssa Luana Alita Micheli, Console Generale d’Italia a Valona

Pubblicato da Lega Navale Italiana Sezione di Brindisi su Domenica 22 dicembre 2019
Conferimento della qualifica di Socio Onorario alla Dott.ssa Luana Alita Micheli, Console Generale d’Italia a Valona

Conferimento della qualifica di Socio Onorario alla Dott.ssa Luana Alita Micheli, Console Generale d’Italia a Valona

Pubblicato da Lega Navale Italiana Sezione di Brindisi su Domenica 22 dicembre 2019
L'intervento del presidente nazionale della LNI Maurizio Gemignani

L'intervento del presidente nazionale della LNI Maurizio Gemignani

Pubblicato da Lega Navale Italiana Sezione di Brindisi su Domenica 22 dicembre 2019

Vela e vino a San Martino – Le foto della serata

Categories:

LE SERATE DELLA LNI SEZIONE DI BRINDISI

Categories:

Serata conviviale con i Presidenti LNI della Puglia; graditi ospiti il Direttore Generale della LNI Ammiraglio Gabriele Botrugno, il Comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi CV CP Giovanni Canu ed il Delegato Regionale LNI Ing. Andrea Retucci.

La nostra città, la Lega Navale Italiana Sezione di Brindisi

Categories:
Brindisi – spot 2019

BRINDISI – SPOT 2019Lo spot promozionale della città.Il video è stato realizzato attraverso il bando dell'assessorato all'Industria turistica e culturale della Regione Puglia vinto dal Comune di Brindisi, per il potenziamento dell'Infopoint Brindisi di Palazzo Granafei-Nervegna che fa parte della rete regionale e per la valorizzazione turistica e culturale della città.Filmmaker Mimmo Greco.Buona visione!#brindisi #comunedibrindisi #infopointbrindisi #regionepuglia #weareinpuglia #palazzonervegna #portodibrindisi #torreguaceto #regatabrindisicorfù #stpbrindisi #adriaticcup #baroccofestival #basketbrindisi #aeroportodibrindisi #nelmaredellintimità #archeologia #vino #viaappia #viefrancigene #reginaviarum

Pubblicato da Comune di Brindisi su Venerdì 15 novembre 2019
Il video è stato realizzato attraverso il bando dell’assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia vinto dal Comune di Brindisi, per il potenziamento dell’Infopoint Brindisi di Palazzo Granafei-Nervegna che fa parte della rete regionale e per la valorizzazione turistica e culturale della città.
Filmmaker Mimmo Greco.

LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

Categories:

LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

(Raccolta di libri usati a cura della Lega Navale Italiana di Brindisi)

La settimana della lingua italiana nel mondo

LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO – VIDEO(Raccolta di libri usati a cura della Lega Navale Italiana di Brindisi)La XIX edizione della «Settimana della lingua italiana nel mondo» ha spinto la sezione brindisina della Lega Navale Italiana, presieduta dall’ing. Roberto Galasso, a raccogliere libri usati, soprattutto nelle scuole brindisine, da inviare ai bambini albanesi, seguendo in tal senso le indicazioni del Console generale italiano a Valona, dott.ssa Luana Alita Micheli. Da due anni la LNI di Brindisi organizza la regata Brindisi-Valona in stretta collaborazione con lo nstesso Consolato. Abbiamo seguito l’incontro con la dirigente dell’Istituto Comprensivo Cappuccini, Rosetta Carlino. Servizio di Antonio Celeste.

Pubblicato da Agenda Brindisi su Venerdì 15 novembre 2019

La XIX edizione della «Settimana della lingua italiana nel mondo» ha spinto la sezione brindisina della Lega Navale Italiana, presieduta dall’ing. Roberto Galasso, a raccogliere libri usati, soprattutto nelle scuole brindisine, da inviare ai bambini albanesi, seguendo in tal senso le indicazioni del Console generale italiano a Valona, dott.ssa Luana Alita Micheli. E’ il caso di ricordare che da due anni la LNI di Brindisi organizza la regata Brindisi-Valona in stretta collaborazione con lo nstesso Consolato. Abbiamo seguito l’incontro con la dirigente dell’Istituto Comprensivo Cappuccini, Rosetta Carlino. Servizio di Antonio Celeste.

Regala un libro ad un bambino di Valona, c’è tempo fino al 17 novembre

Categories:



Il 27 ottobre si è conclusa la “Settimana della Lingua italiana nel Mondo”.
La nostra lingua è insegnata anche in Albania ma per i bambini e le bambine non è semplice avere a disposizione libri in lingua italiana, che li aiutino ad imparare in modo adeguato ed in base alla loro età.
La sezione di Brindisi della Lega Navale Italiana, pertanto, vuole supportare attivamente le iniziative intraprese dal Consolato Generale d’Italia a Valona ed è così che nasce l’iniziativa “REGALA UN LIBRO AD UN BAMBINO DI VALONA”: raccoglieremo presso la nostra sede libri usati (purché in buone condizioni) che possano essere utilizzati da bambini e bambine albanesi  a partire dalla scuola materna fino alle scuole medie.

I libri raccolti verranno consegnati alla nostra Console, Dottoressa Luana Alita Micheli, che provvederà a recapitarli alle scuole di Valona.
Ovviamente saranno ben accetti anche libri nuovi nel caso in cui qualcuno volesse farne dono.
Vi invitiamo quindi a donare i vostri libri, certi che vivranno una nuova vita contribuendo alla diffusione della lingua italiana.

Per chi volesse partecipare c’è tempo fino al prossimo 17 novembre



Il nostro presidente Roberto Galasso eletto membro del Consiglio Direttivo Nazionale della Lega Navale Italiana

Categories:

Si è conclusa a Trani l’Assemblea Generale dei Soci della Lega Navale Italiana. Dopo una tre giorni ricca di lavori e di interventi, con oltre 120 Delegati provenienti da tutta Italia in rappresentanza delle Strutture Periferiche, si è tenuta l’elezione dei  componenti del Consiglio Direttivo Nazionale. Gli eletti che andranno in carica dal mese di maggio 2020, vista la scadenza del mandato triennale per il vecchio Consiglio, sono Umberto Verna (Consigliere della Sezione di Chiavari-Lavagna), Raffaele Mancuso (Vicepresidente della Sezione di Marzocca) e Roberto Galasso (Presidente della Sezione di Brindisi).

Soddisfatto della buona riuscita dei lavori il Presidenze Nazionale della LNI, Amm. Maurizio Gemignani. «Questa tre giorni è stata la dimostrazione di come l’Assemblea Generale dei Soci, quando viene chiamata in causa, riesce sempre ad esprimere il meglio.
La nostra Associazione – ha chiarito l’Amm. Gemignani – è come un bastimento disincagliato da poco. I giovani, senza dubbio, saranno coloro che daranno il contributo maggiore per il futuro della Lega Navale Italiana».

Parlando degli scenari futuri, l’Amm. Gabriele Botrugno (Direttore Generale della Lega Navale Italiana) ha voluto porre l’attenzione su alcuni progetti. «Il nostro intento, attraverso la figura dei Delegati scolastici, è quello di incontrare le scuole per un’opera di proselitismo e, quindi, portare le nuove generazioni all’interno della Lega Navale Italiana. I giovani devono essere avvicinati alla nostra realtà e questo – precisa l’Amm. Botrugno – può avvenire attraverso corsi di vela, di canoa e dei moltissimi altri sport che il mare mette a disposizione di tutti. I corsi, ovviamente, devono essere gratuiti; non possiamo pensare di avvicinare i giovani alla cultura marinaresca chiedendogli, soprattutto in un periodo difficile come questo, di pagare un corso sportivo.
Il giovane va curato, inquadrato ed educato alla cultura marinaresca. Questo è sicuramente un metodo attuabile: far capire alle giovani generazioni quanto sia bello l’associazionismo, il mare e soprattutto i sacrifici che quest’ultimo richiede».

L’Amm. Botrugno, poi, ha specificato come lo stesso discorso vada portato avanti anche per quel che riguarda le associazioni che si occupano disabilità. «Noi, come Lega Navale Italiana, stiamo attuando molte iniziative in tal senso, contattando anche il Comitato Internazionale Paralimpico. La nostra Associazione, del resto, organizza anche dei campionati di vela per disabili, come quelli per la classe Hansa.
Occupandoci del sociale, inoltre, andiamo anche a coprire quelle classi meno abbienti che, a fronte di alcuni problemi economici, non possono permettersi di avvinarsi al mondo del mare. La Lega Navale Italiana vuole superare ogni barriera, consentendo a tutti, senza esclusione di età e classe sociale, di avvicinarsi alla cultura nautica».

A conferma di un impegno nel sociale della Lega Navale Italiana, a margine dell’Assemblea Generale dei Soci, la Sezione di Trani – in collaborazione con il WWF e l’Ufficio Ambiente della Presidenza Nazionale LNI – ha liberato in mare un esemplare di tartaruga caretta. Un forte gesto, alla presenza di circa 50 alunni delle scuole elementari, che rimarca l’impegno continuo della Lega Navale Italiana sulle delicate tematiche ambientali.

DIDASCALIA FOTO

Da sinistra a destra: Umberto Verna (Consigliere della Sezione di Chiavari-Lavagna), Raffaele Mancuso (Vicepresidente della Sezione di Marzocca) e Roberto Galasso (Presidente della Sezione di Brindisi)

REGALA UN LIBRO AD UN BAMBINO DI VALONA

Categories:

Dal 21 al 27 ottobre verrà celebrata la “Settimana della Lingua italiana nel Mondo”.
La nostra lingua è insegnata anche in Albania ma per i bambini e le bambine non è semplice avere a disposizione libri in lingua italiana, che li aiutino ad imparare in modo adeguato ed in base alla loro età.
La sezione di Brindisi della Lega Navale Italiana, pertanto, vuole supportare attivamente le iniziative intraprese dal Consolato Generale d’Italia a Valona ed è così che nasce l’iniziativa “REGALA UN LIBRO AD UN BAMBINO DI VALONA”: raccoglieremo presso la nostra sede libri usati (purché in buone condizioni) che possano essere utilizzati da bambini e bambine albanesi  a partire dalla scuola materna fino alle scuole medie.

I libri raccolti verranno consegnati alla nostra Console, Dott.ssa Luana Alita Micheli, che provvederà a recapitarli alle scuole di Valona.
Ovviamente saranno ben accetti anche libri nuovi nel caso in cui qualcuno volesse farne dono.
Vi invitiamo quindi a donare i vostri libri, certi che vivranno una nuova vita contribuendo alla diffusione della lingua italiana.

APULIA FILM FORUM OSPITE DELLA SEZIONE DI BRINDISI

Categories:

Abbiamo fatto del nostro meglio per la nostra città, questa volta con una cena di benvenuto nella splendida cornice della Lega Navale Italiana Sez. di Brindisi, condivisa da Apulia Film Commission ed Amministrazione Comunale. LNI BR sempre disponibile per la città e per ogni occasione di crescita.

Il 27 settembre la LNI Brindisi ricorda la tragedia della Corazzata Benedetto Brin

Categories:

Il 27 settembre del 1915, nel corso della prima guerra mondiale, esplodeva nel porto di Brindisi una delle navi più belle della Regia Marina Militare.

A 104 anni esatti dal tragico evento, venerdì 27 settembre alle ore 10.00, nella cripta del Monumento al Marinaio d’Italia di Brindisi, Assoarma Brindisi, associazione che raggruppa tutte le associazioni combattentistiche e d’arma della città Capoluogo e della provincia di Brindisi, con una sobria cerimonia, ricorderà il drammatico evento che comportò la morte di 456 marinai, tra cui Cosimo Sindaco, unico marinaio brindisino dell’equipaggio, sarà presente anche una rappresentanza della

La commemorazione si aprirà con l’accensione dell’Ara votiva – posta ai piedi del Monumento al Marinaio – alla quale seguirà la deposizione di una corona d’alloro nella cripta e la celebrazione di una Santa Messa, che sarà preceduta da un momento di riflessione a cura di Giancarlo Sacrestano, che cura le ricerche storiche per conto di ASSOARMA.  Successivamente, gli invitati raggiungeranno il luogo dell’affondamento a bordo di due imbarcazioni messe a disposizione dalla Società Trasporti Pubblici (STP) e dalla Lega Navale Italiana (LNI) Sezione di Brindisi, per il lancio di una corona d’alloro sul luogo dove avvenne lo scoppio della Benedetto Brin.

All’interno della cripta sarà possibile ammirare la statua di Santa Barbara, protettrice della Marina Militare Italiana, donata in occasione del 102° anniversario dell’affondamento dal Maestro prof. Cosimo Marinò, presidente onorario della sezione dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Oria (BR) ed un bellissimo modellino in scala della Corazzata, realizzato dal geometra Marco Matulli, socio dell’Associazione Arma Aeronautica di Brindisi.

Alla cerimonia prenderanno parte le Autorità civili, religiose e militari della città Capoluogo e con i loro Labari, i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

Il mattino del 27 settembre 1915, il sole splendeva nel cielo azzurro di Brindisi. La corazzata Benedetto Brin era ancorata nell’avamporto della città. I marinai procedevano nei lavori di pulizia della nave. Nel quadrato di poppa, l’Ammiraglio Ernesto Rubin de Cervin, teneva il rapporto ufficiali. D’un tratto, erano le otto circa, una tremenda esplosione squarciò l’aria, ripercotendosi lontano, sulla terra e sul mare. Le case di Brindisi tremarono e le navi ancorate nel porto ebbero un sussulto. La Benedetto Brin non si vedeva più. Un’enorme nube, densa e nera, aveva preso il suo posto. Per qualche minuto, solo le fiamme e le urla dei marinai, straziati dall’esplosione, lasciarono intuire la catastrofe. Quando una folata di vento diradò quell’immensa nuvolaglia, la corazzata apparve in tutta la sua orrenda distruzione. Lo scoppio del deposito munizioni di poppa, aveva ridotto la potente nave da battaglia ad un ammasso di ferraglia nera fluttuante sulle acque del porto. In mezzo ai cadaveri ed ai rottami galleggianti, la Brin affondava lentamente di poppa. Mentre divampava l’incendio e nonostante l’imminente pericolo di scoppi, i marinai delle altre navi si lanciarono all’opera di soccorso. I primi a mettere piede sulla Brin furono il T.V. Resasco, comandante della torpediniera d’alto mare Centauro, seguito da due marinai francesi della flottiglia del Borèe, di nome Louis Roussel e Jean Tual. Le loro unità si trovavano a passare le più vicine al momento dello scoppio. Poi, fu una gara commovente di solidarietà, fra le contorte e fumanti ferraglie della bella nave agonizzante. L’incendio a prora fu presto domato, anche per l’inabissarsi del relitto. Le scialuppe raccolsero i feriti e i morti. Una folla immensa s’era ammassata sulla banchina del porto per assistere in silenzio e con angoscia allo straziante spettacolo. Il bilancio della catastrofe fu tragico: perirono l’Ammiraglio barone Ernesto Rubin de Cervin, il Comandante della nave Cap. di Vasc. Gino Fara Forni, quasi tutti gli ufficiali (21) e ben 433 fra sottufficiali e marinai.

corazzata-benedetto-brin-2

Molti altri restarono mutilati o feriti. Per la giovane Marina italiana, ancora ai primi mesi di guerra, il disastro assunse proporzioni psicologiche di sciagura nazionale. Mai si erano avuti in marina tanti morti in una volta sola. La Nazione ne rimase sgomenta. L’emozione fu universale. Nonostante la censura militare, le prime pagine dei giornali furono interamente dedicate all’avvenimento. Durante le operazioni di soccorso, oltre 450 corpi erano stati recuperati ed erano tutti pietosamente allineati sulla banchina del porto e lungo le corsie e nel cortile dell’Albergo Internazionale, già adibito ad Ospedale Militare. Dalle sale giungevano i lamenti dei feriti. Si salvarono soltanto gli uomini comandati a terra per la spesa viveri. Brindisi visse giornate di profondo dolore. In città la gente sembrava impazzita. Dappertutto calcinacci per terra e vetri infranti. Nel porto interno regnava una gran confusione: corvette, torpediniere, lance a motore s’affollavano per prestare soccorso. Non si sapeva ancora con certezza cosa fosse accaduto. Poi arrivò precisa la notizia: era saltata in aria la Benedetto Brin. Decretato il lutto cittadino, furono organizzati imponenti funerali. Le 450 salme dei caduti sfilarono per le vie cittadine scuotendo profondamente l’animo popolare. Tutto il popolo di Brindisi si riversò lungo il percorso dello spettacolare corteo, sino al Cimitero.

 

L’affondamento della corazzata nel porto di Brindisi

Erano accorsi anche dalle città e dai paesi vicini: da Lecce, da Taranto e da Bari. Da ogni parte d’Italia i parenti delle vittime e dei superstiti si erano precipitati a Brindisi sperando disperatamente per i propri cari. Dietro i feretri seguiva immediatamente, in rappresentanza del Re impedito al fronte, il Duca degli Abruzzi, Comandante in Capo dell’Armata. Seguivano poi il Sindaco della città, le autorità tutte, ammiragli ed ufficiali delle marine alleate (inglese e francese) ed una folla di popolo.

Le autorità civili e militari avevano dovuto affrontare un grosso problema: dove e come dare degna sepoltura alle oltre 450 salme martoriate. Tutte le famiglie di Brindisi misero a disposizione della Marina i loculi privati disponibili. L’Amministrazione comunale pose immediatamente a disposizione della Marina un’adeguata superficie di suolo nel centro del Cimitero. Questo suolo fu eretto a Cimitero di Guerra, che in seguito fu chiamato dal popolo: cimitero della Benedetto Brin. Al centro fu costruito un monumento marmoreo sul quale una lapide ricordava: Il 27 settembre 1915 – funestamente affondava in questo porto – e andava distrutta – la R. Nave Benedetto Brin. Nel porto di Brindisi, al momento del disastro, oltre alle navi italiane, c’erano le navi inglesi e francesi: in tutto 27 unità. Fu proprio durante l’alzabandiera a bordo dell’incrociatore Vittor Pisani, che si udì la tremenda esplosione. Guardando verso il forte a mare, dove c’erano ancorate le navi più grosse, i brindisini videro un’enorme nube nera che si levava per centinaia di metri nel cielo. Dopo qualche attimo di smarrimento intuirono che era successo qualcosa di grave. Motobarche ed altri mezzi navali si avventurarono in quell’impenetrabile cortina di fumo nero. Poi ne uscirono, per tornare indietro con spaventosi carichi di resti umani sanguinanti e bruciacchiati. Le operazioni di soccorso si protrassero per tutto il giorno. Solo nel pomeriggio la nube di fumo si diradò del tutto ed apparve la Brin semi affondata. Con l’esplosione, la massa compatta della torre binata poppiera da 305/40 saltò in aria e poi ricadde violentemente sul fianco sinistro della corazzata. Relitti di ferro sembravano cadere dal cielo per vasto raggio intorno alla nave. Tutta la coperta poppiera era stata spazzata via insieme con quanti si trovavano a bordo. L’intera poppa era sott’acqua, mentre la prora emergeva all’altezza dei pezzi da 152. Non esistevano il fumaiolo di prua e l’albero di trinchetto. La nave si era adagiata sul fondo fangoso che in quel punto aveva la profondità di dieci metri. Tutto intorno ad essa galleggiavano relitti d’ogni genere che rendevano impraticabile il mare per un raggio di centinaia di metri. La Benedetto Brin, che portava il nome del grande Ammiraglio che rinnovò la Marina da guerra italiana, era una tra le più potenti navi da battaglia costruite nel mondo. La sua perdita, dopo quattro mesi di guerra, fu un duro colpo per la difesa nazionale e portò alle dimissioni del Ministro della Marina, Ammiraglio Viale, e del Capo di Stato Maggiore, Thaon de Revel. In quel periodo lo spionaggio nemico minacciava le nostre navi ed i nostri porti sull’Adriatico. La guerra segreta, fatta d’intrighi e di tradimenti, raggiunse la flotta nelle sue basi più importanti, utilizzando una fitta rete di spie e di sabotatori che gli imperi centrali avevano organizzato in tutto il mondo.

Numerose organizzazioni spionistiche nemiche furono scoperte in Europa. La centrale di questa complessa attività operava in Svizzera, che, per la sua qualità di nazione neutrale in cui si parlavano diverse lingue, ospitava persone equivoche e criminose (specialmente nella città di Ginevra). Il Governo italiano nominò una Commissione d’inchiesta per appurare le cause dell’esplosione della Benedetto Brin e le eventuali responsabilità del personale civile e militare competente. La Commissione dell’epoca, dopo lunghe indagini ed estenuanti interrogatori, presentò la relazione conclusiva all’On. Salandra. La perdita della nave fu dovuta ad un atto di sabotaggio da parte di agenti nemici.

Nel 2015, a 100 anni esatti dall’evento, la Marina Militare ha ufficialmente dichiarato che: “Come ormai acclarato, si trattò di una disgrazia non diversa da quelle accadute in altre marine da guerra dell’epoca: la causa dell’affondamento era infatti da attribuire ai nuovi esplosivi utilizzati per le cariche di lancio e di scoppio che, indispensabili e sempre più potenti, erano stati introdotti da troppo poco tempo perché se ne conoscessero tutte le caratteristiche relative alla loro stabilità.”

Perirono 21 ufficiali e 433 i sottufficiali e i marinai, tra i quali l’ammiraglio Rubin de Cervin comandante della 3a Divisione Navale della 2a Squadra e il comandante della nave Fara Forni.

I superstiti furono 9 ufficiali e 473 fra sottufficiali e i marinai.